• La Redazione

Intervista a Romolo De Stefano, Presidente Fondazione Ateneo Impresa

Da trent’anni Ateneo Impresa è presente sul territorio Italiano. Un’impresa riuscita e che continua ad evolversi grazie alla poliedrica mente del suo fondatore.


Intervistato in occasione dei Digital Innovation Days , Romolo De Stefano ci parla della scuola del futuro!


Buongiorno Romolo,

abbiamo avviato con piacere una partnership tra DIDAYS e Fondazione Ateneo Impresa, ci racconti qualcosa delle vostre iniziative? In particolare, che cos’è The Future School?


The Future School è un progetto di formazione avanzata costituito da Scuole di Alta Specializzazione “verticali” orientate alle Professioni del Futuro: la prima, The Blockchain Management School, è già partita con grande successo, a breve seguirà The Artificial Intelligence School, ed altre focalizzate sui megatrend strategici del digitale sono in procinto di prendere avvio.


Da chi è stato promosso il progetto “The Future School”?


Dalla Fondazione Ateneo Impresa, organismo che opera per favorire la crescita e la valorizzazione della persona e dei giovani talenti e che coinvolge nei Comitati d’Onore e Scientifico illustri personalità dell’economia, dell’impresa, della cultura, della scienza e delle istituzioni, in collaborazione con Officina Visionaria, The Business Factory.


Ateneo Impresa ha una storia importante. Qualche dato?


Ateneo Impresa nasce nel 1990 e si posiziona come una tra le più qualificate Business School italiane, tra i leader nella formazione alle professioni emergenti e punto di riferimento per l’Alta formazione manageriale post-laurea: 32 patrocini istituzionali, 182 progetti di comunicazione, più di 200 formatori e testimonial, circa 10.000 ex allievi, oggi manager, professional ed imprenditori, 77.300 richieste di iscrizione a corsi e master, oltre 115.000 ore di formazione, circa 3.500.000 € di borse di studio erogate, oltre 750 aziende partner. Per quanto riguarda il placement, ad esempio dei Master, si è attestato storicamente tra l’80% e il 90% entro sei mesi dalla conclusione del corso.


Che obiettivi ha The Future School?


Coprire un vuoto strategico: formare professionisti e manager altamente richiesti dal mercato. Oggi le imprese hanno bisogno di nuove figure tecniche e gestionali fondamentali per presidiare la “digital trasformation”e governare l’impatto delle nuove tecnologie: blockchain specialist, blockchain manager, data scientist, big data analyst, IoT specialist, chief digital officer, social media specialist, digital marketer, growth hacker, cyber security manager …


Queste tipo di specializzazioni creano sbocchi occupazionali validi? Quali opportunità si possono segnalare?


Abbiamo fatto una scelta strategica a monte: solo percorsi di formazione avanzata di qualità che generino figure specialistiche nel solco dei grandi Megatrend. Sono migliaia già oggi le richieste inevase e molte di più lo saranno nel prossimo decennio se non si formeranno le nuove professionalità. Grandissime quindi le opportunità di sbocchi lavorativi, con ruoli molto ricercati e ben retribuiti.


A chi si rivolge?


A giovani che vogliano intraprendere un percorso di alta specializzazione per costruire un progetto di carriera credibile e posizionante, a manager che vogliono acquisire le competenze innovative per favorire la competitività dell’azienda per cui operano, ad imprenditori che intendono evolvere e sviluppare il business della propria impresa


Ci parli di The Blockchain Management School? Come è organizzata?


Ogni Scuola ha una precisa identità e missi